header image
 

Il Narratore. VI NARRO LA MIA POESIA

 

 

 

           TU. LA MIA FELICITA’ 

 

 

 

 

 

 

             Gioch’intrecciati

             Come un origami.

             Sei carta che s’arrende

             Alle mie dita.

 

             Giorn’intrecciati.

             Avvinti. Come rami.

             Sei tempo che s’accende

             E si fa vita.

 

~ di Il Narratore on 16 Luglio 2009. Tagged: , , , , , ,

9 Risposte to “Il Narratore. VI NARRO LA MIA POESIA”

  1. Ma guarda un pò che bella “targa” !!! I miei complimenti! :-) Ehmmm non vorrei insinuare nulla…ma è tiscali che dice duro” :-)

    IL NARRATORE PER GIOVANNA.

    Allora siamo “almeno in due” a dirlo!!! :-) )

  2. Sei sempre dispensatore di piaceri profondi, anche dove inattesi. :) I tuoi versi sono più belli ad ogni nuova lettura.

    IL NARRATORE PER TITANIA.

    Come più bella mi appari tu ogni volta che ti “incontro”!

    Che li abbia scritti “per te”?? :-) )))

  3. I complimenti te li ho già fatti stamattina, ma mi pare giusto che te li faccia anche qui: Complimenti!!

    Parole dolci, profonde, coinvolgenti.:-)

    Ciao.:-) faraluna

    P.S.: Mi sarei aspettata che tu scrivessi anche la tua emozione per avere ricevuto il premio!….come hai fatto da versoinfame.:-)

    Io al tuo posto l’avrei fatto.

    Ma…tu non sei al mio posto!:-))))))

    IL NARRATORE PER FARALUNA.

    Grazie! Sono lieto che tu abbia apprezzato le mie parole “in versi”. Tanto più perché questi complimenti provengono da una fonte che stimo

    molto! :-) )

    Ci avevo pensato a scrivere qualche riga anche qui da me. Ma alla fine ho deciso di presentare la poesia senza nulla che potesse distogliere il lettore dalle emozioni che ho voluto raccontare.

    Ed ho aggiunto il link a versoinfame nel titolo!

  4. I complimenti te li ho lasciati dai Poeti, ma voglio ribadirteli anche qui.

    Anche perchè questa frase

    Come un origami. Sei carta che s’arrende

    Alle mie dita.

    io la trovo tra lo spettacolare e il geniale.

    Scoperto un altro Poeta dell’Anima.

    IL NARRATORE PER HOPE.

    Sinceramente sono sempre più imbarazzato, per quanto strano possa sembrare! :-)

    Ma devo ammettere che quella frase mi è venuta alla mente all’improvviso ed è piaciuta molto anche a me.

    Proprio come se me l’avesse “suggerita”

    un poeta!! :-) ))

    Ciao

  5. Mi aspettavi?

    Non ce n’era bisogno…hai sempre saputo dove trovarmi.

    Ma nn lo hai fatto!

    IL NARRATORE PER CARMEN.

    La verità è che sono un sentimentale. :-)

    Ho bisogno di pathos, e quello di Facebook non mi è congeniale. :-) )

  6. Questo premio lo meriti veramente.

    In sincrono erotismo e poesia.

    Di tanto in tanto passo a leggere e non nascondo che gli occhi diventano lucidi.

    Un abbraccio.

    IL NARRATORE PER ANONIMA MA NON TROPPO.

    Grazie!:-)

    Devo confessare che per me lo sei anche “troppo”. Anonima! :-)

    Quando lo sarai un pò meno magari verrò ad asciugarti gli occhi “lucidi”.

    Di “gioia”, immagino. :-) )

  7. Ti ho scritto in posta tempo fa per dirti chi ero e che mi sarei firmata così.

    Cerca di fare mente locale.

    Con simpatia…

    IL NARRATORE PER LA SOLITA ANONIMA.

    Sai che cosa mi “sconvolge”? Il fatto che TU “NON PUOI” essere “anonima”.

    La “vita” non lo è MAI!!

  8. A volte mi chiedo perchè mi colpiscono certe parole piuttosto che altre: gioch’intrecciati e giorn’intrecciati. Forse sarà il mio carattere, forse questa volta non c’entra e forse non ha senso cercare spiegazioni. Mi soffermo sulle sfumature. Mi danno il senso….

    Poche parole le tue e d’effetto.

    IL NARRATORE PER LUX.

    Anch’io amo molto le sfumature. Quando scrivo. Quando leggo.

    E quelle che ti hanno colpito le ho scelte perché contengono l’essenza del sesso e dell’amore, a mio parere!

  9. Diario erotico di vita e perversioni.

    Non so, ho leggiucchiato qualcosa, ma mi aspettavo altro…

    Il mio Blog trasuda morbosa immoralità, qui invece registro una certa eleganza (non che manchi dalle mie parti)

    IL NARRATORE PER DEGENERATO AL MASSIMO.

    La perversione non ha nulla a che vedere con la degenerazione. Nè con quella del singolo, nè con quella della specie che, al contrario, trova spesso in essa nuova linfa vitale.

    Non è mai immorale, perché la moralità non è un concetto assoluto ma relativo e strettamente soggettivo.

    E, naturalmente, non soltanto può, ma deve essere elegante se chi ne gode lo è per educazione e consuetudini.

    La volgarità, infatti, al contrario della moralità, è un concetto assoluto e prima ancora che qualificare, ma meglio sarebbe dire squalificare, i comportamenti squalifica l’individuo che ad essa si abbandona e se ne fa travolgere.